Prossima DONAZIONE: 5 Aprile 2020

codeIngenia_fratres

Effetti benefici della donazione - Donare in sicurezza

DONARE SANGUE ………. è ANCHE PREVENIRE MALATTIE!!

La prevenzione è uno dei pilastri della medicina moderna. Controllare periodicamente i parametri fondamentali dei vari apparati del nostro corpo, mediante un prelievo di sangue è pratica semplice, ma spesso disattesa. La vita sempre più frenetica, la pigrizia, la mancanza di sintomi sono forse le giustificazioni più frequenti del perché solo una bassa percentuale di persone si sottopone annualmente a controlli di carattere generale.
 
La semplice esecuzione di un esame Emocromocitometrico ci permette di valutare l'efficienza della produzione midollare di Globuli Rossi, Globuli Bianchi e Piastrine. Indirettamente ci può anche segnalare la carenza di un minerale importante quale il Ferro. Una diminuzione del numeri dei Globuli Rossi ed in particolare del loro volume, segnalato da un abbassamento dell' Emoglobina, è infatti una condizione abbastanza frequente di anemia che può dipendere sia da un insufficiente apporto alimentare di Ferro, sia da perdite ematiche talora nascoste. Nella donna in età fertile può essere associata ad un ciclo mestruale irregolare con flusso abbondante e prolungato. D'altra parte la possibilità, abbastanza frequente, di micro perdite di sangue con le feci, dovute a varie lesioni intestinali (varici emorroidarie, piccole ulcere, polipi) impone una ripetuta "ricerca di sangue occulto" e magari una successiva visita chirurgica. A volte, la ricerca di eventuali intolleranze alimentari può spiegare la persistenza di iposideremie negative alle osservazioni sopraesposte.
 
La valutazione totale dei Globuli Bianchi e della percentuale dei vari tipi di cellule che li compongono, è di grande importanza per il monitoraggio delle nostre difese immunitarie, così come la quantità delle piastrine fornisce alcune informazioni sull'efficienza del sistema emostatico. Sempre mediante l'Emocromo è anche possibile sospettare lievi anomalie ereditarie, è giusto considerare nell'ipotesi di un concepimento per scongiurare la possibilità di generare bambini malati. Mi riferisco alla possibilità di individuare "portatori sani" di emoglobinopatie, ovvero di malattie ereditarie con alterazioni quali-quantitative della produzione delle catene emoglobiniche, in particolare di "Anemia Mediterranea" o "Talassemia" che è sicuramente la più diffusa. I portatori di "Trait Talassemici" non sono limitati alle isole maggiori (in particolare la Sardegna) o al meridione, ma sono oramai frequenti anche in diverse zone dell'Italia Continentale. Il reperto di un Volume Globulare decisamente ridotto (Microcitosi), con conseguente aumento "compensatorio" del numero dei Globuli Rossi, esige, dunque, un approfondimento diagnostico riguardo alla presenza di percentuali più o meno elevate di "Emoglobine Patoligiche". Abbiamo considerato solo gli aspetti interpretativi più comuni di un esame che si esegue con appena pochi millilitri di sangue mediante un'apparecchiatura completamente automatica. Ma con altrettanto poco sangue si riescono ad indagare tanti altri organi ed apparati.
 
La Glicemia a digiuno, accompagnata dall'esecuzione del Colesterolo e dei Trigliceridi, può evidenziare disturbi metabolici (diabete dislipemie) e comunque valutare l'adeguatezza della nostra dieta.
 
La Creatininemia è un indice importante della funzionalità renale così come le Transaminasi indicano eventuali sofferenze del parenchima epatico, malattie dismetaboliche e anche patologie infettive che quasi mai risultano sintomatiche.
 
Tutto questo per ricordare che anche una persona in apparente buona salute deve considerare l'opportunità di sottoporsi a regolari controlli generali, in base ai quali, eventualmente, prendere spunto per approfondimenti più specialistici.
 
Lo sapete che tutto questo può essere fatto senza particolari stress o perdite di tempo, con un semplice atto anonimo d'amore verso altre persone, neonati, bambini, adulti che soffrono perché afflitti da malattie, le più disparate?
 
Siete a conoscenza del fatto che tutti questi controlli e molti di più vengono obbligatoriamente eseguiti ad ogni Donazione di Sangue?
 
Non è descrivibile la felicità e la gioia che si prova per un atto così semplice e così importante quale quello della donazione di sangue.
Facciamo dunque della Medicina Preventiva, Doniamo Sangue, sorridiamo e sentiamoci felici per ciò che possiamo fare, perché donare per vivere sano e perché altri vivano, è un contributo completo allo sviluppo di una società più giusta e civile.
E pensare che diventare donatori di sangue è tanto facile, basta recarsi presso i seguenti Centri Trasfusionali di zona: Ospedale Di Venere, Ospedale Policlinico, Ospedale San Paolo, Ospedale di Conversano e Ospedale di Acquaviva delle Fonti, durante tutti i giorni feriali dalle ore 8 alle ore 11, sottoporsi alla visita medica ed ai test pre-donazione. Il medico incaricato della selezione dei donatori valuterà la tua idoneità al dono e saprà indirizzarti verso il tipo di donazione adatta alle tue caratteristiche.
 
Esistono infatti vari tipi di donazione:
 
Sangue Intero: è la raccolta per semplice"caduta" di circa 400\450 ml di sangue, mediante veno-puntura della vena cubitale del braccio (o suoi collaterali) con un ago collegato ad un sistema di sacche sterili monouso che consentono, in tempi successivi, la separazione dei globuli rossi (emazie concentrate) dal plasma (plasma fresco congelato). E' il tipo di donazione più classico ed antico ed è quello, in genere, a cui si sottopongono i nuovi donatori: si esaurisce brevemente, in circa 10 minuti la raccolta è completa. Dovranno trascorrere almeno 3 mesi (90 giorni compiuti) prima della successiva donazione di sangue intero ed almeno 30 giorni per altre frazioni.
 
Plasmaferesi: rappresenta la raccolta della parte proteica, non corpuscolata, del sangue mediante apparecchiature dotate di pompe a depressione e kit sterile monouso che provvedono alla centrifugazione con separazione dei vari componenti in base al gradiente di peso, alla raccolta del plasma, che rappresenta la parte più superficiale del centrifugato, ed alla successiva reinfusione nel donatore, delle frazioni per le quali non è prevista la raccolta.
Da tre a cinque cicli di raccolta-reinfusione consentono di prelevare circa 500 ml di plasma che verrà successivamente congelato. La procedura si realizza in 40-50 min. sempre mediante veno-puntura con il solito ago raccordato al kit di prelievo. Dovranno trascorrere almeno 14 giorni per poter effettuare una nuova donazione (qualsiasi modalità) e comunque il totale donato non potrà superare la quantità di 1.5 litri al mese e 10 litri all'anno di plasma.
 
Plasmapiastrinoaferesi: si realizza con le apparecchiature ed i principi precedentemente descritti e consente la raccolta di 400 ml. di plasma e circa 200 ml. di piastrine concentrate. Il tempo necessario per la donazione sarà di poco superiore a quello di una plasmaferesi in quanto ogni ciclo di prelievo si prolungherà di 2-4 min. necessari al prelievo della componente piastrinica. L'intervallo di donazione è uguale a quello della plasmaferesi (14 giorni), tenendo presente che il numero massimo di piastrinaferesi per il donatore periodico è di 6 all'anno.
 
Eritroplasmaferesi ed eritropiastrinoaferesi: sono modalità di donazione che rappresentano una variante di quelle precedentemente descritte. I criteri di selezione del Donatore sono abbastanza restrittivi in quanto si deve tener conto della volemia totale ovvero della massa corporea, di un valore dell'emoglobina idoneo ad un prelievo di sangue intero e nel caso della eritropiastrinaferesi, del numero delle piastrine. Il tempo necessario per il prelievo è di circa 1 ora e gli intervalli di donazione da rispettare sono quelli del sangue intero.
 
La certificazione per l'assenza dal lavoro (l’art.8 della Legge n. 219 del 21.10.2005 consente ai lavoratori dipendenti l'astensione dal lavoro per l'intera giornata in cui effettuano la donazione, conservandone la normale retribuzione) e un buono colazione da consumarsi presso il bar dell'Ospedale, verranno consegnati al temine di ogni donazione.
 
Riassumendo:
 
la donazione del sangue e dei suoi componenti è volontaria e gratuita e quindi possibile solo per libera scelta di tutti i cittadini coscienti di questo diritto/dovere;
la donazione del sangue non compromette il benessere fisico di una persona sana, in quanto regolata da Medici Specialisti, capaci di individuare per ognuno modalità e ritmi adeguati di prelievo;
la donazione periodica è anche un modo altruistico per verificare il proprio stato di salute, grazie ai regolari controlli clinici ed ematologici, del tutto gratuiti, disposti per i Donatori dalle vigenti leggi.
 
 
Diventa subito Donatore di Sangue, non aspettare
© 2009 - FRATRES Donatori Volontari di sangue
Tutti i diritti riservati - C.F. 93171670727 

FRATRES
Via Telegrafo, 6
70016 - Noicattaro (BA)

Tel. 080 4781542
Cell. 3394133116

fratres.noicattaro@libero.it